Ormai è certo: discendiamo dagli scimpanzé

di Aldo Gagliano

scimpanze – Un team internazionale di ricercatori ha sequenziato per la prima volta il genoma del bonobo, una scimmia antropomorfa meglio nota come scimpanzé pigmeo o scimpanzé nano, confermando che condivide la stessa percentuale del suo DNA con noi.

Sembra incredibile ma la condivisione dei suoi geni è maggiore con l’essere umano rispetto agli stessi scimpanzé. L’articolo, pubblicato su Nature, apre nuovi orizzonti nella ricerca biologica e sulla genetica.

“Siamo strettamente legati geneticamente, ma il nostro comportamento è molto diverso”, ha detto il biologo Janet Kelso del Max Planck Institut di antropologia evolutiva di Lipsia, in Germania, membro del team di ricerca.

“Questo ci permetterà di cercare le basi genetiche di ciò che rende gli esseri umani moderni diversi da i bonobo e gli scimpanzé”. Può non piacere, ma sono quindi praticamente i nostri parenti più prossimi. In realtà vi sono due specie di scimmie strettamente correlate agli esseri umani: i bonobo (Pan paniscus) e lo scimpanzé comune (Pan troglodytes).

Ciò ha spinto i ricercatori ad ipotizzare che l’antenato degli esseri umani, scimpanzé e/o bonobo, si è evoluto in modo diverso dividendosi tra l’antenato comune dei bonobo e quello degli scimpanzé tra i 4 e 7 milioni di anni fa in Africa. L’analisi del genoma completo, secondo quanto riferito su Nature , rivela che i bonobo e gli scimpanzé condividono il 99,6% del loro DNA. Questo conferma che queste due specie di scimmie africane sono ancora molto simili tra loro geneticamente, anche se le loro popolazioni si divisero in Africa circa 1 milione di anni fa.

Oggi i bonobo si trovano solo nella Repubblica democratica del Congo e non vi è alcuna prova che si siano incrociati con gli scimpanzé dell’Africa equatoriale; probabilmente perché il fiume Congo ha agito come una barriera tra loro.

Tuttavia, quando gli scienziati del Max Planck hanno confrontato il genoma del bonobo direttamente con quello di scimpanzé e di esseri umani, hanno trovato che un pò del nostro DNA, circa l’1,6%, è condiviso esclusivamente con il bonobo, ma non con gli scimpanzé.

E condividiamo circa la stessa quantità del nostro DNA solo con gli scimpanzé, ma non i bonobo. Tali differenze suggeriscono che la popolazione ancestrale di scimmie che hanno dato origine agli esseri umani, scimpanzé e bonobo, era piuttosto ampia e diversificata geneticamente. Una volta che gli antenati degli esseri umani si divisero dall’antenato dei bonobo mantennero questa diversità, dividendosi in due gruppi, sino a 1 milione di anni fa.

I gruppi si sono poi ulteriormente evoluti in bonobo, scimpanzé ed esseri umani variando tutti i sottoinsiemi genetici e diversificando la popolazione. Un’altra differenza è che i bonobo e gli esseri umani, ma non gli scimpanzé, hanno una versione di proteina presente nelle urine che può avere funzioni simili in altre scimmie o addirittura nei topi, ovvero la possibilità di rilevare differenze di odori per raccogliere stimoli sociali.

“Il genoma bonobo dovrebbe anche mettere a tacere gli argomenti che gli esseri umani sono più strettamente legati agli scimpanzé”, dice il primatologo Frans de Waal della Emory University di Atlanta. “La storia che il bonobo può essere ignorato o emarginato dal dibattito sulle origini umane è ora fuori da ogni discussione”.

foto da moebiusonline

Fonte di provenienza dell’articolo

Advertisements
Categorie: Curiosità | Tag: , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: